Mal di Schiena

Dolori alla colonna come ad esempio lombalgie, dorsalgie, irritazioni del nervo sciatico, problematiche discali, etc. Mal di testa, Dolore a collo e spalle, Traumi sportivi, Problemi strutturali in gravidanza Problemi legati al colpo di frusta, Disordini digestivi, Sinusite, Problematiche infantili, Cicatrici, Problematiche occlusali

Gravidanza

Il periodo della gravidanza porta grandi cambiamenti nella donna in attesa

Bambini

Durante l'età pediatrica l'osteopata può contribuire a risolvere od alleviare le affezioni otorinolaringoiatriche.

Incontinenza Urinaria Femminile

A quante persone accade, durante un colpo di tosse, una risata, uno sforzo fisico, di perdere involontariamente una piccola quantità di urina? Dopo i trent’anni, a molte più donne di quello che si pensa. Quante ne parlano? Quasi nessuna! ...

BACHELOR OF SCIENCE

Sono un’osteopata laureata in Gran Bretagna, con il titolo di Bachelor of Science Osteopathy, corso di laurea a tempo pieno di 6 anni, presso la University of Wales, dipartimento di Maidstone (U.K.).

Parte della mia formazione di è svolta presso l’I.S.O., Istituto Superiore di Osteopatia, Milano, dove ho precedentemente conseguito il D.O. (Diploma in Osteopatia).

Ho poi ampliato l’ambito delle mie competenze conseguendo, con lode, la laurea in Fisioterapia presso l’Università Statale di Milano. Dal 2001 sono membro del Registro degli Osteopati Italiani.


Osteopatia e gravidanza

  • Il periodo della gravidanza porta grandi cambiamenti, a livello fisico e psichico, nella donna in attesa.La progressiva espansione dell’utero e le crescenti richieste di spazio del nascituro costringono il corpo materno a modificare continuamente la propria struttura in una quotidiana ricerca di nuovi equilibri, fino all’evento fisiologico, ma impegnativo, del parto. Gli interventi dell’osteopata sono rivolti, durante tutta la gravidanza, a facilitare le inevitabili modificazioni posturali riducendo le tipiche sintomatologie dolorose (lombalgie, sciatalgie, tensioni cervicali) e a riequilibrare e distendere i muscoli e i legamenti preposti al parto. In caso di malposizioni fetali come la presentazione podalica, soprattutto se intercettate precocemente (32a settimana), l’attività dell’osteopata è volta al rilascio delle strutture adiacenti all’utero (i muscoli della colonna, del pavimento pelvico, il diaframma), per ripristinare condizioni favorevoli al corretto riposizionamento del bimbo.

Osteopatia post parto e cure neonatali

  • Benché il corpo femminile sia naturalmente predisposto a sostenere la gravidanza e il parto, sovente il cambio di postura nei mesi dell’attesa e la meccanica del parto sono causa di grande stress per la donna che può trovarsi a far fronte a problematiche di mal di schiena, incontinenze vescicali, dolore durante il coito ed esiti cicatriziali dovuti ad episiotomia o cesareo. In tutte queste problematiche l’intervento dell’osteopata è rivolto a ripristinare la corretta elasticità del pavimento pelvico, ovvero la struttura muscolare che chiude inferiormente il bacino, ed il normale rapporto tra le diverse strutture. L’osteopata può intervenire sul neonato sia a titolo preventivo, riequilibrando le suture craniche che hanno subito un accavallamento durante il parto e che non sempre si rilasciano totalmente, sia a titolo curativo, intervenendo in caso di tensioni diaframmatiche, singhiozzo del lattante, torcicollo miogeno congenito, ipereccitabilità, disturbi del sonno, suzione del dito. Importante saper che, agendo entro l'anno d’età del bimbo, ovvero prima che le suture si consolidino, l’osteopata può ottenere buoni risultati sulla correzione dello strabismo. Quanto più precocemente si può valutare il neonato tanto prima lo si può avviare verso una crescita armonica, togliendo eventuali tensioni causate da un cattivo posizionamento intrauterino o dal processo del parto, specie se quest’ultimo è avvenuto con intervento cesareo o con l’ausilio della ventosa, eventi particolarmente stressanti per il bambino.

Osteopatia e pediatria

  • Durante l’età pediatrica l’osteopata può contribuire a risolvere o alleviare le affezioni otorinolaringoiatriche ricorrenti (otiti, sinusiti…) frequentemente dovute ad uno scarso drenaggio delle cavità del cranio da parte del sistema cranio sacrale o quando vi sia una ridotta pervietà (apertura) delle vie aeree superiori. L’osteopata può inoltre affiancarsi all’ortodontista durante cure ortodontiche per malocclusioni dentali,e al logopedista per il trattamento della deglutizione atipica. Una accurata valutazione osteopatica permette di intercettare con anticipo i casi in cui vi sia rischio di scoliosi.

Osteopatia per tutti

  • Nell’età adulta e nella terza età tutti possono trarre vantaggiosa trattamenti osteopatici Le tecniche manipolative osteopatiche sono particolarmente indicate per trattare problematiche relative a: Traumatismi : cadute, colpi di frusta, distorsioni, traumi, incidenti stradali, stress emotivi. Esiti post-chirurgici: aderenze cicatriziali che inibiscono lo scorrimento fasciale, specie dopo mastectomie, interventi addominali o ginecologici, parti cesarei, squilibri posturali dovuti alle trazioni cicatriziali post operatorie. Problematiche viscerali: ernia iatale lieve, drenaggio epatico, ptosi renali lievi, stasi linfatica. Apparato stomatognatico : disfunzioni dell'articolazione temporo-mandibolare.